Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes
Eddy Merckx Very Own Tour de France Bike Molteni 1975 - Steel Vintage Bikes

Eddy Merckx Bici da Tour de France Molteni 1975

  • Bici venduta
Sold for over € 1000,00 to United Kingdom on 3/13/16.

Beschreibung

Qui presentiamo una bici che Eddy Merckx cavalcato nel Giro di Francia 1975. Questo Team Molteni bike è stato costruito da Ugo De Rosa.


In fondo pensiamo che detto questo sia abbastanza.
Ma per tutti gli altri, ecco alcune parole aggiuntive:



Alcune biciclette sono intrecciate con la storia dello sport ciclistico e dei suoi campioni in un modo che umilia chiunque abbia la possibilità di darle un'occhiata. Sono manufatti iconici, profondamente carichi di storie e aneddoti. Ognuno di essi affonda le sue radici nel terreno di spettacoli unici che danno origine a leggende. Questa è una di queste bici e ha molte storie da raccontare. Ma ne toccheremo brevemente solo tre:
La storia di un ciclista e del suo telaista. Una storia di pura forza di volontà. E la storia di un regalo degno di un campione.


Nel 1973 la stella cadente del panorama ciclistico, Eddy Merckx, si avvicinò all'ingegnoso telaista Ugo De Rosa e gli chiese di essere il suo meccanico nel team Molteni e costruire le loro bici.
Ugo, che conosceva Eddy e gli aveva già realizzato alcune cornici, disse di sì. Il resto è storia.
Uno dei risultati di questa collaborazione è stato Eddy Merckx' anno super vittorioso 1974, con la vittoria del Giro, del Tour de France, del Tour de Suisse e dei Campionati del Mondo.
Come telaista, Ugo de Rosa era assolutamente la misura di tutte le cose in questo periodo. Infatti, nel Giro d'Italia del 1974, circa l'80% di tutti i corridori del gruppo correva su biciclette costruite da De Rosa. Ed era la controparte perfetta di un tecnico attento ai dettagli Eddy Merckx che hanno chiesto piccole modifiche a telai e forcelle per ogni compito speciale. Per il difficile Giro del 74, Eddy ha richiesto ben 6 telai, che Ugo dovrebbe consegnare entro una settimana. De Rosa finì per dormire nel suo laboratorio per portare a termine questo compito.


L'anno 1975 iniziò bene per Eddy con il trionfo in tre monumenti e avrebbe potuto essere un'altra stagione da record se la sfortuna non fosse stata a colpirlo. Ma invece, nella retrospettiva degli eventi, si tratta di un anno che dovrebbe preannunciare l'inizio della fine della sua carriera attiva. E questo soprattutto perché Eddy pretendeva dal suo corpo più di quanto gli andasse bene.
Tutto cominciò quando in Catalogna perse per un osso rotto il suo superdomestico più importante. Poi si ammalò e non poté allenarsi abbastanza per il Tour de France. E durante il Tour dovette scontrarsi con l'avversione degli spettatori francesi che preferivano il francese Thévenet alla macchina belga che stava per togliere il record di Tour più vinti al francese Anquetil.
In una fase importante, Eddy è stato colpito alle reni da uno spettatore e di conseguenza ha perso tempo importante. Ha iniziato a correre rischi maggiori e si è schiantato, poi si è schiantato di nuovo, rompendosi la mascella. Inoltre gli fu diagnosticata un'infiammazione al fegato.
Tuttavia continuò a correre, mettendo in mostra il suo brio ogni volta che se ne presentava la possibilità.
Si è sforzato di compiere sforzi disumani senza alcuna reale possibilità di vincere altro che il premio in denaro per il secondo posto, in modo che i suoi compagni di squadra non dovessero andarsene con le tasche vuote. La sua assoluta volontà di superare l'evidente dolore che stava attraversando gli è valso il rispetto anche da parte degli appassionati di ciclismo francesi.
Merckx non avrebbe mai potuto dimostrare il suo diritto di essere definito uno sportivo e un campione in misura maggiore di quanto fece in quei giorni di crudele tortura in Francia. Alla fine è stato l'onorevole secondo in questa gara. Ma ha pagato con la sua costituzione fisica. Successivamente dichiarò che avrebbe dovuto smettere perché lo sforzo gli era costato almeno una o due stagioni in più di successi.


Pochi sanno che Merckx era anche un tifoso di calcio e da giovane avrebbe addirittura voluto diventare un calciatore. È un dato di fatto, ha giocato per qualche tempo come dilettante. Una delle squadre di calcio belghe più prospere e la preferita di Eddy era il Racing White Daring Molenbeek. Il Racing White fu campione del Belgio nel 1974 e nel 1975 e il capitano della squadra era il "generale" danese Kresten Bjerre.
Essendo entrambi campioni in diverse discipline, erano in buoni rapporti tra loro. Bjerre era ospite a casa di Merckx. Anche per una specie di storia familiare su una rivista di boulevard danese.
Quando alla fine del 1975, Bjerre fece la sua 200esima partita con lo Sporting White, Merckx gli regalò una delle sue bici del Tour de France nello stadio di Molenbeek. Quando un felice Kresten Bjerre ha ricevuto il generoso regalo, Merckx avrebbe detto: "Ha un deragliatore ma per te in questo momento è impostato su 53x17".
Negli anni successivi e anche dopo il suo ritorno in Danimarca, Kresten fu orgoglioso della bicicletta e, pur non essendo un ciclista eccessivamente ambizioso, di tanto in tanto guidò la bicicletta Molteni.

Ora la moto è alla ricerca di un nuovo proprietario. Per quanto la adoriamo, la bici non appartiene realmente a un negozio ma dovrebbe essere posseduta da un vero ammiratore di una vera bici Merckx.
Quando abbiamo ricevuto il Molteni aveva praticamente la configurazione originale. Apparentemente gli pneumatici erano stati cambiati all'inizio degli anni '80. Ma questo appartiene alla storia della bicicletta. In generale la sua autenticità è semplicemente impressionante.
Come dicevamo, ci sono bici che raccontano una storia, e le tracce sul telaio ne raccontano alcuni capitoli. Dedichiamo quindi un po' di tempo a pulire meticolosamente ogni parte e rimuovere polvere e un po' di ruggine dove era necessario. Ma alla fine abbiamo preferito preservare la bici e non restaurarla o lucidarne le parti.
I bulloni della pedivella, ad esempio, sono ancora ricoperti di grasso Eddy Merckx li aveva indossati. I cavi sono ancora quelli originali. Da noi non è stata cambiata nemmeno la vite più piccola. Ma la pulizia è stata meticolosamente precisa e approfondita, nonostante i cuscinetti che non abbiamo pulito. Funzionano ancora abbastanza bene!
Dai foderi orizzontali "diamante" ai piccoli cuori sull'aletta del movimento centrale e ai pedali Pista modificati, c'è così tanto dello spirito di De Rosa e Merckx in questa bici che puoi quasi sentirlo ansimare mentre sale su uno dei passi alpini del Tour, seguito da Ugo con l'ammiraglia.

Potrebbe esserci qualcosa di meglio per un appassionato di ciclismo di questa bici? Difficilmente. Ma aspetta! c'è ancora di più!
Con la bici arriva l'outfit invernale completo del Team Molteni, regalato a Bjerre dallo stesso Merckx.
Cappello, maglia, pantaloncini: c'è tutto. Anche un paio mai indossati di quei guanti da ciclismo Merckx extra fini.
Bene, dobbiamo ammettere che questo non è altro che il jackpot per ogni appassionato di ciclismo, collezionista e fan di Merckx.



Rahmengröße


Rahmenhöhe (Center-Top)59.5 cm
Oberrohr57.5 cm
Steuerrohr16 cm
Standover 84 cm


Details

MarkeDe Rosa
Schaltwerk
Umwerfer
SchalthebelCampagnolo Record
Bremsen
Bremshebel
Steuersatz
KurbelCampagnolo Nuovo Record; 175mm; 53/42
InnenlagerCampagnolo Record
Sattelstütze
SattelSella Donelli
NabenCampagnolo Record
FelgenMavic Record du Monde de l'heure
ReifenWolber 700c tubulars
VorbauCinelli; 130mm
LenkerCinelli; 41cm
KetteNOS chain
PedaleNicht inklusive


Potrebbe piacerti anche